Pressione gomme kart

Home  |  Go-kart tecnica   |  Pressione gomme kart
La pressione delle gomme del kart

Pressione gomme kart

Ho passato molto tempo nei box di piste kart, e tra un turno e l’altro c’è sempre il momento per fare due chiacchere con un’altro pilota.
Si parla sempre delle stesse cose, che tempo hai fatto, in che marcia entri in quella curva, quali rapporti usi, a quanto fai la pressione delle gomme ecc… Sempre le stesse domande nonostante sapendo entrambi che nella risposta non ci sarebbe stato un minimo di verità.
Ogni Kartista ha i suoi segreti. In questo articolo parliamo di pressione gomme, come sfruttarle al meglio, torvare la pressione migliore per la gara.

LA PRESSIONE DELLE GOMME DEL KART

Ho sempre avuto difficoltà con le pressioni, soprattutto in gara.
Partire con le pressioni appena più basse, si corre il rischio di trovarsi i primi giri in difficoltà nel tenere il passo degli altri.
Partire con pressioni poco più alte, vai subito forte ma poi ti perdi già da metà gara.
Ma se becchi quella giusta, allorà non ce nè per nessuno.

Per approfondire questo argomento molto interessante, ho chiesto aiuto a un grande appassionato, amico, pilota e sprattutto un vero esperto in materia.

Pascal Cardinale

Fondatore della nota azienda PRISMA ELECTRONICS  produzione strumenti elettronici di precisione per il settore Racing. Specializzati in pressione, temperatura e fasatura dei motori.
www.prismaelectronics.com

Pascal Cardinale Prisma Electronics

Pascal Cardinale – Prisma Electronics

Come potete vedere dalla foto, Pascal è uno di noi, un vero appassionato, pilota kart fin da piccolo, 30 anni di gare alle spalle, con esiti positivi e spesso vittoriosi.
Chi meglio di lui può darci qualche info in più sulle pressioni delle gomme.

LA PAROLA A PASCAL

Le gomme sono una delle componenti fondamentali in un veicolo da corsa. La massima potenza disponibile si trasmette dal mezzo all’asfalto attraverso le gomme. Un corretto sfruttamento del rendimento delle gomme permette di ottenere il miglior risultato possibile.

E’ evidente dunque che la pressione diventa un paramentro fondamentale nel setup del mezzo; una corretta pressione permette al pneumatico di lavorare nella giusta finestra di temperatura e quindi ottenere il miglior rendimento.

La pressione influisce direttamente sull’impronta a terra del pneumatico. Una pressione alta diminuirà l’impronta a terra facendo aumentare la rigidità laterale e longitudinale lungo la direzione del moto, a discapito della stabilità, mentre una pressione bassa aumenterà l’impronta a terra del battistrada favorendo la stabilità in frenata ed accelerazione. Ma una pressione troppo bassa porterà ad un ampio movimento del battistrada favorendo un aumento della temperatura che in caso eccessivo potrebbe portare ad effetti di blistering.

E’ immediato comprendere come la giusta pressione sia condizionata da moltissimi fattori.

RIGIDEZZA DELLA STRUTTURA DEL PNEUMATICO
DIMENSIONI DEL PNEUMATICO
CARICO APPLICATO LATERALE E LONGITUDINALE
CONFORMAZIONE DEL TRACCIATO
TEMPERATURA AMBIENTALE E DEL TRACCIATO

La pressione ha dunque il compito di bilanciare tutti questi fattori facendo si che la temperatura di esercizio rientri nella finestra di utilizzo corretta ottimizzando così il grip del battistrada.

Qual’è dunque la pressione ottimale ?

Non si può risondere a questa domanda perchè i fattori in gioco sono moltissimi. Si può però applicare un metodo utile per ricavare un intervallo di valori da poter utilizzare.

Si può agire in questo modo:
– Si imposta una pressione delle gomme del kart a freddo di partenza che prenda in considerazione anche la temperatura dell’asfalto e dell’aria. Si memorizzano i dati sul manometro.
– Si compiono almeno 7-8 giri e si misura la pressione delle gomme a caldo. Normalmente questa pressione nei kart deve essere maggiore di 0.2 BAR ed all’incirca di 0.9 BAR. Memorizzando le pressioni a caldo, il manometro HiPreMa 4 calcola automaticamente la differenza ottenuta.

Si riesce quindi ad agire sull’assetto e sulle pressione per cercare di ottimizzare il bilanciamento del mezzo.

 

#IVANORGANIZZA ringrazia Pascal Cardinale – PRISMA ELCTRONICS per aver contribuito ad approfondire l’argomento pressione gomme.

 

LA STUMENTAZIONE

Il Manometro è lo strumento principale che non può mancare quando si va a fare sul serio con il nostro kart, ma se vogliamo adare veramente a fondo, abbiamo altri strumenti che possono aiutarci a migliorare come ad esempio il Pirometro.

Il Pirometro
serve a misurare la temperatura delle gomme del kart 

Pirometro Sonda Ago

Pirometro Sonda Ago

 

Lascia un commento

AMICI KARTISTI, lasciate un commento subito sotto questo articolo, il vostro parere è importantissimo.
a presto #IVANORGANIZZA

Perché questo blog?

Mi chiamo Ivan Costieri, nato nel 1975 .
Dal 1983 ho partecipato come pilota a oltre mille gare, ho aperto e gestisco piste go-kart, un team, organizzo campionati e eventi karting agonistici e amatoriali. Ho fondato nel 2002 il sito n1 del settore kart www.vendogo-kart.it . Ringrazio mio padre Sauro Costieri per aver collaborato e contribuito a tutto questo. Penso di aver molte esperienze vissute sul campo da raccontare e mi farebbe molto piacere se vi tornassero utili.

Seguiteci e condivideteci su:
PREV

Telemetria kart e acquisizione dati

NEXT

Il go-kart elettrico. Sarà il futuro?

LEAVE A COMMENT