Telemetria kart e acquisizione dati

Home  |  Go-kart tecnica   |  Telemetria kart e acquisizione dati
Telemetra kart aim

Telemetria kart e acquisizione dati

Viene chiamato in diversi modi, cronometro, telemetria, addirittura quel coso sopra il volante, e tutti o
la maggior parte di noi kartisti, ne possiede uno, uno strumento di telemetria montato sul volante del  proprio kart.  Io lo considero la voce della verità, è lui che decide se andare a casa soddisfatti o delusi dopo una giornata di prove in pista o una gara.

Nell’ambiente del kart, difficilmente ci chiedono come è andata oggi, la domanda più comune è Che tempo hai fatto? oppure In quanto hai girato? Spesso ci sembra tutto a posto, ci sembra di girare forte, ma lui “ il nostro strumento di aquisizione dati ” ci smonta il morale appena superiamo la linea del traguardo, dove solitamente è istallata la banda magnetica, oppure per chi utilizza il GPS, il punto di fine del giro impostato.

Esistono diversi modelli e marchi di strumenti per go-kart, AimStarlane, AlfanoUnipro e ancora altri.
Io sul mio kart ho sempre montato Aim Mychron, non posso e non voglio dire che sia meglio o peggio di un’altro , ma come per lo smartphone, chi si è abituato con un sistema operativo, cambiarlo è sempre una scocciatura e perdita di tempo.

Fino a questo punto, tutti i kartisti sanno di cosa sto parlando, ma lo scopo dell’articolo è andare oltre, e per questo ho chiesto aiuto e lascio la parola a un esperto del settore con esperienza sia su kart (Tag, S.Tag, Ok, Kz) che su auto (Formula 4, Formula Griiip, Predator’s, Formula Renault) e quest’anno impegnato nel Campionato F4 ed Euro Nascar (Team Not Only Motorsport) e X30 Iame Series Italy (partnership Team Not Only Motorsport e Ghidella Racing Team).

Emanuele Ciliberti  E.C. Karting Data

 

LA TELEMETRIA …. PER PROFESSIONISTI E NON SOLO!

In ogni settore del Motorsport, la tecnologia applicata al veicolo (e non solo!) è sempre più avanzata e determinante.

Tutti gli appassionati hanno sicuramente sentito parlare di “Telemetria” ed oggi cercherò di chiarire quanto influente possa essere questo aspetto anche nel settore karting.

Telemetria o acquisizione dati?

Parto con il precisare che la vera “Telemetria” è relegata quasi esclusivamente alla sola F1, ovvero uno scambio dati/informazioni in tempo reale di tipo bi-direzionale ovvero box > veicolo / veicolo > box con la possibilità di intervenire su alcuni parametri veicolo direttamente da remoto; in tantissime categorie l’uso di questa tecnologia è assolutamente vietato dai regolamenti ed il kart non è da meno, infatti è corretto parlare di “Acquisizione dati” attraverso strumenti indicati come “Data logger” e “Dashboard”.

Ad oggi molte aziende producono questi componenti e ciascuna di esse applica tecnologie differenti con uno scopo finale comune a tutti, ovvero fornire dati utili al miglioramento della performance grazie all’impiego anche di sensoristica dedicata.

Una vera svolta sia per i professionisti che per gli amatori è rappresentata dall’impiego di tecnologia GPS integrata, con la “comodità” di avere molti più dati, senza l’obbligo di aggiungere sensori specifici capaci ovviamente di generare informazioni più dettagliate ma altresì più complesse da utilizzare ai fini di analisi; per questo è corretto dire che con il giusto approccio ed insegnamento, anche l’amatore può sfruttare il proprio strumento per capire meglio quanto fatto in pista.
C’è inoltre da dire che un segnale fornito da GPS, a differenza di quelli derivante dai sensori, ha una “pulizia” di lettura utile a non visualizzare vibrazioni telaistiche/motoristiche, sobbalzi, ecc… e quindi ancor più “semplice” da sfruttare per i non professionisti.

Quindi come possiamo usare questi dati?

Attraverso i software dedicati (specifici per i vari strumenti, in questi esempi Aim e Starlane) sono visualizzabili tutti i parametri acquisiti; tra i canali visualizzabili, i più comuni sono i seguenti:

  • Rpm
  • Temperatura acqua o sotto candela per motori raffreddati ad aria
  • Temperatura gas di scarico
  • Velocità (Gps)
  • Accelerazioni
  • Tempo sul giro ed intermedi

E’ quindi possibile ad esempio monitorare con estrema precisione quanto successo al nostro motore durante tutta la giornata, quantificando in numeri ogni singolo aspetto.

Telemetria 01

 

 

In fase di analisi (in linea generale con la maggior parte dei software) viene subito preso in esame il best lap del run svolto. Per poter analizzare a fondo l’intero run è possibile ottenere simultaneamente tutte le informazioni necessarie sovrapponendo i grafici (overlap) oppure con un semplice e funzionale report in tabella:

 

 

La modalità Overlap è quella da utilizzare per confrontare uno o più giri, pertanto capire come e dove migliorare o individuare l’errore commesso durante un giro e quantificarne la perdita in termini di tempo e/o spazio. Inoltre con dei run svolti con metodo di lavoro pre-coordinati è possibile capire i miglioramenti o peggioramenti dovuti ad interventi telaistici, motoristici o di guida.

 

 

Ovviamente questi sono solo alcuni esempi molto generici e credo sia già chiaro che sfruttare questa tecnologia possa portare ad effettivi e concreti vantaggi, sia ai professionisti che non.

Per chi volesse di più, l’ampliamento della strumentazione con relativi sensori dedicati (es. sterzo, acceleratore, freno ed altro ancora), può far crescere il numero di informazioni in maniera esponenziale aumentando di conseguenza le considerazioni da effettuare per capire maggiori dettagli, il tutto analizzando la dinamica del veicolo, la guida del pilota e la resa totale del “pacchetto” veicolo/pilota.

 

 

 

Qual è il tuo pensiero sull’uso di questa tecnologia?

Per me la parola chiave è “Metodo”. Ho sempre pensato che il “modo” con il quale fare le cose sia la vera evoluzione.

Utilizzare un’acquisizione dati significa soprattutto sposare un metodo di lavoro molto preciso, finalizzando così ogni tipo di sforzo.
Improntare delle uscite con alla base il divertimento è quanto di più bello si possa sempre fare, ma se immaginiamo di associare dei piccoli obiettivi da conseguire (tutti vogliamo sempre migliorare!) e poter analizzare a fine giornata quanto e come, allora la passione viene sicuramente appagata e la soddisfazione sale insieme alla voglia di ritornare al più presto in pista e migliorarsi ancora!

 

Per chiunque voglia approfondire e conoscere meglio l’analisi dati, è possibile contattarmi ed eventualmente partecipare a dei corsi di formazione dedicati e realizzati in collaborazione con “Not Only Motorsport”.

Per tutte le info, invia una mail a:  eckartingdata@gmail.com

Instagram: @eckartingdata

 

Link utili:

Not Only Motorsport: https://notonlymotorsport.it/

Aim: https://www.aim-sportline.com/

Starlane: http://www.starlane.it/

E.C. Karting Data è rivenditore Aim e Starlane.

 

Telemetria kart aim

 

#IVANORGANIZZA  ringrazia infinitamente Emanuele Ciliberti per la sua colaborazione


Lascia un commento

AMICI KARTISTI, lasciate un commento subito sotto questo articolo, il vostro parere è importantissimo.
a presto #IVANORGANIZZA

Perché questo blog?

Mi chiamo Ivan Costieri, nato nel 1975 .
Dal 1983 ho partecipato come pilota a oltre mille gare, ho aperto e gestisco piste go-kart, un team, organizzo campionati e eventi karting agonistici e amatoriali. Ho fondato nel 2002 il sito n1 del settore kart www.vendogo-kart.it . Ringrazio mio padre Sauro Costieri per aver collaborato e contribuito a tutto questo. Penso di aver molte esperienze vissute sul campo da raccontare e mi farebbe molto piacere se vi tornassero utili.

 

Seguiteci e condivideteci su:
PREV

Controllo telaio su piano di riscontro

NEXT

Pressione gomme kart

LEAVE A COMMENT